I rischi legati alle operazioni doganali e ai trasporti nelle relazioni commerciali Svizzera-Italia

Lunedì 17 novembre 2014 dalle ore 16.30 alle ore 18.30, segue aperitivo

presso l’Hotel Coronado, Via Borromini 10, Mendrisio 

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un dinamismo della politica estera svizzera che si è vieppiù orientata verso nuovi sbocchi commerciali extra-europei. Una crescente diversificazione dei Paesi interessati ai prodotti elvetici che va interpretata come un’interessante strategia commerciale di lunghissimo termine che non deve mettere in secondo piano l’importanza dei partner europei per motivi storici, geografici e culturali.

In questo contesto, per la Svizzera le relazioni commerciali con l’Italia giocano un ruolo fondamentale. Nel 2012, secondo i dati ufficiali dell’amministrazione federale delle Dogane, il 7.2% delle esportazioni sono andate in Italia (19.9% in Germania e 11.1% negli Stati Uniti). A livello svizzero l’Italia è dunque il terzo partner commerciale, mentre a livello cantonale la vicina Penisola è al secondo posto tra le destinazioni delle merci ticinesi considerando il 15.2% delle esportazioni nel 2012 (19.9% verso la Germania).

L’Italia è dunque un partner fondamentale per i prodotti svizzeri e ancor di più per quelli ticinesi. Da decenni si vendono prodotti elvetici in Italia, ma ciò non significa che tutti siano a conoscenza delle corrette procedure d’esportazione e di spedizione. Minimizzare i rischi delle procedure doganali e di spedizione è proprio l’obbiettivo di questo incontro che vedrà la Camera di commercio, dell’industria, dell’artigianato e dei servizi del cantone Ticino (Cc-Ti) alla conduzione di una tavola rotonda dove saranno coinvolti una ditta di spedizione svizzera e un esperto doganalista italiano nonché le autorità doganali elvetiche.

Ripercorrendo i passi che un’azienda deve compiere per esportare la merce destinata ad un cliente italiano, il moderatore cercherà di coinvolgere i vari relatori presenti con lo scopo di evidenziare i punti critici e le possibili soluzioni.

Pubblico target

Dirigenti d’azienda, manager, responsabili e quadri del settore export, spedizioni e logistica

Moderatore
  • Marco Passalia, vice Direttore, responsabile Export, Cc-Ti

 

Relatori
  • Giorgio Binda Capo-sezione tariffe e regimi doganali, AFD Lugano
  • Alessandro Borghi Vice direttore, Franzosini SA
  • Antonio Scordari Titolare, Euroservices Srl
  • Marco Tepoorten Direttore e titolare, Franzosini SA